x
x
NOMADI DENTRO Il nuovo album dal 27 Ottobre

I Nomadi in Palestina (1995)

La fitta collaborazione dei Nomadi e dei loro Fan Club con l'Associazione "Salaam Ragazzi dell'Olivo" e l'attribuzione di parte dei proventi dell'Album "Tributo ad Augusto" alla medesima, ha portato il gruppo direttamente ad Israele per la consegna dei primi introiti. Hanno visitato i villaggi che usufruiranno dei benefici del denaro e hanno ricevuto ringraziamenti dal premio Nobel per la Pace Yesser Arafat. A Beit Hula paese nelle vicinanze di Hebron i Nomadi hanno verificato il lavoro svolto per la costruzione di una scuola-circolo di promozione culturale. A Gerusalemme hanno poi avuto un incontro emozionante con i bambini dell'orfanotrofio "Jeel Al-Amal" e hanno tenuto un concerto nel teatro "Al Hakawti" alla presenza del console italiano in Israele, di rappresentanti del Ministero della Cultura Palestinese, di artisti, musicisti e gente comune. Il giorno successivo è stato impegnato per un'escursione a Jenin, la prima città oltre Gaza allora completamente controllata dall'esercito palestinese, dove proprio quel giorno, il presidente Arafat pronunciava il suo discorso pubblico. Poi la volta di Gaza, i Nomadi sono stati ricevuti da Arafat. Durante il colloquio il leader ha soprattutto sottolineato l'importanza del contributo degli artisti e del popolo italiano a favore del processo di distensione fra israeliani e palestinesi. Arafat ha inoltre ringraziato i Nomadi e il Gruppo Giornalisti Musicali per il concreto e proficuo sostegno all'Associazione "Salaam Ragazzi dell'Olivo", che da lungo tempo lavora in Italia e in Palestina con progetti di aiuto mirati che vanno ad affiancarsi alla campagna di "affidamento a distanza".
Il 1995 si è concluso con una serie di concerti dedicati alle scuole di musica cubane, con questa iniziativa sono stati raccolti strumenti musicali, corde, bacchette, quaderni pentagrammati, materiale didattico musicale che è stato inviato nel gennaio 1996 a Cuba.